Consulenza di coppia

La coppia è l’elemento base della vita sociale dell’essere umano, che nasce quando due persone decidono di dedicarsi a un progetto di vita comune.

Ogni coppia ha una sua storia, in quanto si costruisce in un certo arco di tempo, attraverso una serie di tentativi, transizioni, cambiamenti, correzioni, che sperimentano ciò che è permesso e che non è permesso nella relazione, fino a diventare un’unità originale che si regge su regole peculiari solo a quel legame.

Considero la coppia nella sua complessità e al di là di ogni semplificazione, sia come sistema relazionale in continuo interscambio con l’ambiente esterno in cui si vive, sia come spazio primario nel quale l’individuo costruisce la propria identità di compagno o compagna.

La coppia può anche trovarsi ad affrontare un particolare momento di “crisi”, a causa di diversi fattori che possono influire sulla sua stabilità ed equilibrio.

La parola “crisi” deriva dal greco e significa “mettersi in gioco, rivedere”: questo indica che la crisi non è necessariamente un momento negativo, ma può rappresentare un momento di crescita, ossia il preludio di un cambiamento.

Per elaborare nuovi stili di comportamento più efficaci di quelli in uso, ecco che allora può essere utile l’intervento di un professionista che compia un piccolo percorso insieme.

Introduco nel nostro percorso l’approccio clinico analogico in prospettiva sistemico-relazionale, che mette in evidenza tutti gli aspetti caratterizzanti la coppia, anche quelli che più difficilmente emergono dagli aspetti verbali, in modo da individuare la problematica in tempi brevi e indirizzare subito il lavoro nella giusta direzione. Una recente ricerca ne ha dimostrato ampiamente la validità ed efficacia, registrando i cambiamenti significativi tra la prima e l’ultima seduta.

Nella “crisi” si sperimentano spesso situazioni “bloccate”, che da soli è difficile svincolare rimuovendo gli ostacoli. È quindi necessario un intervento che favorisca la giusta distanza con l’altro, valorizzando e stimolando le capacità di ciascuno di progredire, diventando protagonisti della relazione e prendendo in mano la propria vita.